Genetica e Malattie Neurologiche

Anche per le malattie neurologiche sono rintracciabili, grazie ad appositi test genetici, dei polimorfismi genetici che, combinati con altri fattori, possono predisporre al rischio. Esserne a conoscenza permette di attuare terapie preventive efficaci. Soprattutto contro:

  • Alzheimer: prove sperimentali hanno dimostrato che nella forma non familiare della malattia (95% dei casi), esistono fattori genetici predisponenti. Esserne portatori con implica alcun inevitabile meccanismo causa-effetto, ma un soggetto con un determinato assetto genetico ha più probabilità di svilupparla rispetto ad un soggetto non portatore.
  • Parkinson: molti esperti ritengono che la malattia sia il risultato dell’interazione tra numerosi fattori ambientali e una predisposizione genetica ereditata all’interno della famiglia.
  • Depressione: la predisposizione genetica per le sindromi depressive e maniaco-depressive è determinata, con molta probabilità, dall’attività simultanea di più geni piuttosto che dall’espressione di uno solo. Una particolare variante di un gene indebolisce i circuiti cerebrali che elaborano le emozioni negative, ne altera il funzionamento e scatena il rischio di sviluppare la depressione, soprattutto in presenza di eventi stressanti.